Alici gratinate al sommacco

Mia nonna se poteva, ricamava. Poi stendeva le dita affusolate e se le ammirava. Belle, erano belle, e sempre curate. Per non sciupare le belle mani ‘da ricamatrice’, le sorelle le risparmiavano addirittura lavori in casa, raccontava compiaciuta. E non mancava mai di aggiungere, che poi ad averle belle ci si guadagnava sempre: o a sembrare […]

Read More

Babaghanush

E’ bastato arrostire, frullare e condire due melanzane per scoprire il sapore di una nota salsa libanese: il babaghanush. E dire che io non ne avevo mai sentito parlare, eppure il mio palato, questa volta con più precisione delle mie intenzioni, ha indovinato gli ingredienti e misurato le dosi giuste di quello che è presto […]

Read More

Bucatini con tapenade di olive di Gaeta

Una volta un greco mi ha detto che in cucina un italiano è capace di improvvisare un ottimo piatto dal niente, anche solo con tre ingredienti nel frigo. E allora io l’altro giorno, pensando a questa rivelazione, mi sono sentita un po’ svantaggiata visto che nel mio frigo erano solo due gli ingredienti rimasti: un […]

Read More

Pomodori di riso e d’estate romana

E così l’altro giorno ho svuotato pomodori rossi e li ho capovolti. Li ho dimenticati a testa in giù per un’intera notte, giusto il tempo necessario al riso  di caricarsi di tutto il sapore fresco del basilico e di un’estate assolutamente romana. E si perché Roma d’estate si ‘svuota’ proprio come i pomodori. E poi si […]

Read More

Filetto di maiale e finocchiella (al wok)

Ci sono periodi in cui dimentico letteralmente di mangiare la carne e poi un giorno si ferma sul pianerottolo di casa il profumino pungente degli straccetti al vino bianco e rosmarino o l’aroma dolciastro delle polpette al sugo, che Andreina cucina per Renzo, e allora una nostalgia fuori misura si arena sul mio palato, in […]

Read More

“Confiture de vieux garçon”

Quando ho deciso di imbottigliare questa conserva tipica della tradizione francese, non sospettavo minimamente che al posto delle Alpi avrei scavallato il mio Appennino. D’altronde non ci sono mai stati, per me, tentativi di fuga così riusciti, che non mi abbiano riportato nel mio “Abruzzo fantastico”. E anche questa volta è successo.

Read More

Sformato di mele, caprino e nocciole

Un temporale estivo e ciò che ne consegue, mi piace. Indistintamente. Primo fra tutti l’odore pungente dell’asfalto bagnato: sale fino al sesto piano, entra dalla finestra della cucina, s’infila nelle narici e lì persiste. Poi, la cadenza della pioggia sulle tende del terrazzo: quasi un’occasione per un libro sotto le coperte.  E la coperta, se […]

Read More

“Maccu” verde di fave

Tra le righe di un libro che tempo fa mi è stato regalato dall’autore stesso, io ho spuntato la parola “maccu”. Leggere con una matita in mano può essere utile e per me è addirittura indispensabile. Per ‘riscrivere’ i percorsi della lettura su quelli della scrittura di un altro, ad esempio. Un modo per prendere […]

Read More

Gamberi rossi al sale e mirto

La scuola è finita. E’ finita. Un concetto che, in genere, si esprime ‘urlando’. E che si festeggia sempre insieme all’arrivo dell’estate. E io oggi, come allora, mentre urlo che la scuola è finita, nel frattempo studio strategie di ‘conservazione’ del mio tempo migliore. Quello estivo. Così allora, tanto per non farmi cogliere impreparata, metto per […]

Read More

Gazpacho di cucuzza

Nel momento in cui ho deciso di togliermi una curiosità di troppo, ho preparato un gazpacho. Più facile farlo che ordinarlo da qualche parte, ho pensato. Certo avrei potuto aspettare di andare in Spagna, ma la scarsa disinvoltura del ritrovarmi in viaggio mi ha fatto optare per un frullatore. E così ho frullato un gazpacho!

Read More

Focaccia di lenticchie e semi di lino

Comprare farine è un piacevole appuntamento: una specie di svago ricreativo che arriva ogni mercoledì.  Mercoledì, infatti, è un giorno ‘di leggerezza’ spensierata a lavoro e, soprattutto, dopo l’uscita da lavoro: quando cioè arriva l’occasione per fare il rifornimento delle mie farine preferite. Interrompo allora il tragitto verso casa, a Piramide: qui, ancora sottoterra a […]

Read More

Gelato alle noci con passito di Pantelleria

Ultimamente quando rientro a casa, mi tolgo le scarpe e mangio un gelato. Tutto il resto è secondario. Se ci sono delle priorità, le mie sono queste. Scalza prima del tempo abbandono lungo il corridoio tutti gli scomodi orpelli di una giornata fuori casa e produco intorno a me un disordine liberatorio: le scarpe  lasciate […]

Read More

Alici al kumquat

In queste serate di maggio comincia a risentirsi tutta una vita di cene estive e parole che spiccano il volo dalle terrazze romane. Chi non cena certo chiacchiera lo stesso: col vicino della finestra accanto o a telefono, magari sbirciando i passanti in fondo alla strada. E anche se nessuno conosce nessuno, la sera è […]

Read More

Fragolino al cartoccio con limoni confit

Io e un fragolino l’altro giorno ci siamo incontrati del tutto inaspettamente: lui se ne stava nascosto vicino a due scorfani e un pesce spada da poco disarmato, che se non fosse stato per la lunga traiettoria di un pesce spatola forse forse avremmo rischiato di non incontrarci mai. Che poi non è stato così […]

Read More

Paste di mandorla

L’altro giorno sono rientrata in cucina in punta di piedi, col naturale disorientamento di chi ha trascurato da un po’ i luoghi più abituali: l’angolo delle spezie; il ripiano più alto del frigo, il barattolo delle mandorle, quello dello zucchero, quello del caffè, ma nessuna traccia di caffé! E allora proprio dalla sparizione di alcuni […]

Read More