Rillettes di merluzzo

 

rillettes di merluzzorillettes di merluzzoHo scoperto cosa fosse la rillettes a fine di una delle mie giornate più trafficate: in genere l’ora delle mie scoperte è sempre a cavallo tra gli ultimi momenti di lucidità della serata e quelli dell’incoscienza da sonno che sopraggiunge. Così succede ormai spesso che la curiosità per una ricetta mi accompagni anche nei sogni: questi ultimi sono, sempre più, popolati da tegami, padelle e così tanto cibo che la mattina la prima sensazione che accoglie il mio risveglio è quella di aver cucinato tutta la notte. Insomma io questa rillettes l’ho sognata così tante notti, che ho capito che se non la trasportavo nella dimensione reale del mio piatto, chissà per quanto tempo avrei continuato a sognarla svegliandomi sul più bello: il momento dell’assaggio.

Rillettes di merluzzoProprio l’assaggio consente di riconoscere l’identità della ricetta un po’ per sapore un po’ per associazione  di idee a quella di un paté. Rispetto a quest’ultimo di differenzia soprattutto per una consistenza meno vellutata: la sua caratteristica è nei ‘ciccioli’ (trad. di rillettes) che la rendono grumosa come generalmente capita ai pasticci di carne di essere. E anzi proprio di un pasticcio di carne si tratta: generalmente le rillettes infatti sono a base di carne di maiale o altro tipo di carne tritata grossolanamente. Allo stesso modo anche una rillettes di carne di pesce può essere il piacevole antipasto di una cena più composita o il pasto frugale da accompagnare con uno o più calici di Traminer aromatico.

“Rillettes di merluzzo” tratta da “Fish & Fish” di Delphine de Montalier  

Ingredienti (per 6 persone, 25′ di preparazione, 30′ di cottura)   250 gr di filetti di merluzzo; 250 gr di fagioli bianchi freschi; 1 cipolla; 1 chiodo di garofano; 1/2 mazzetto di erba cipollina; 2 cucchiai di olio d’oliva; 2 cucchiai di panna liquida (io ho evitato questo ingrediente); qualche foglia di lattuga; sale e pepe macinato fresco.

Procedimento: pulire i fagioli e cuocerli per 30′ in acqua bollente salata insieme a una cipolla in cui avrete infilato un chiodo di garofano. Versare dell’acqua fredda nella parte bassa della pentola a vapore, adagiare il pesce nel cestello su alcune foglie di insalata e chiudere. Cuocere per 10′, poi verificare la cottura: il pesce è cotto quando si presenta madreperlato sia all’esterno che all’interno, con le squame che cominciano a staccarsi da sole; è troppo cotto quando la carne si disfa. Ponete il pesce sulla carta assorbente, lasciar raffreddare e sbriciolarlo grossolanamente con le mani, eliminando le ultime lische. Scolare i fagioli, togliere la cipolla e collocarli nel mixer. Aggiungere il pesce, l’olio evo e frullare leggermente facendo attenzione a non ridurre tutto in purea: la consistenza deve rimanere disomogenea! Versare il composto in un recipiente e cospargetelo di erba cipollina. Condire con sale e pepe. Servire con pane rustico grigliato, olio evo sale e pepe fresco macinato fresco a volontà.        

Related Post

14 thoughts on “Rillettes di merluzzo

  • l’unico dubbio è sul chiodo di garofano. Il resto è… un sogno! Deve essere gustosissimo! meriti la lode per la foto.
    (Stavolta mi hai portata sui canali di Lalinde in HauteProvence. Merci)
    .

  • Stefania
    Eh si veramente gustoso: i fagioli danno una consistenza morbida e spalmabile al composto e il sapore è quello fresco del pesce. Il chiodo di garofano può anche essere gettato dalla finestra, in genere incontra il mio favore per un retaggio familiare, ma in effetti può essere omesso come ad esempio io ho fatto con la panna. 😉 e poi le foto: meriti il mio sentito grazie!:-) ultimamente mi piace così tanto farne!Grazie grazie!

  • Ciao carissima!
    So che latito da un po’,ma questa rillettes mi ha proprio trascinata qui!
    Sembra davvero invitante 🙂
    Se la provo ti farò sapere!
    Bacio

  • Manuela
    Ciao bella!Non preoccuparti anche a me capita di latitare un po’ in questi giorni pieni di corri corri, a mala pena riesco a postare una volta a settimana. Sono felice di averti preso per la gola, fammi sapere come ti sembra quando l’avrai provata!;-) un bacione!

  • io adoro la rillettes!! la foto è fantastica!! buccia di limone è sbarcata su fb e naturalmente ho subito condiviso questo post…come sempre a passare da qui ci si guadagna in bellezza!!
    un bacio grande!
    e.

  • Elisa
    Ciao cara mia!!!Sei sbarcata su fb!E allora diventiamo presto amiche anche lì!;-) Grazie, non sai che bello sentire tutta questa corrispondenza: sono felice di aver proposto una ricetta che piace e poi non avevo dubbi sul fatto che ti sarebbe piaciuta, ormai conosco i ‘miei palati di penna’ 😉 Un bacione!

  • è bellissima l’immagine di te che cucini in sogno! anche io mi vivo la cucina con un misto di tensione e passione e ti sento sempre vicina, non solo in fatto di sapori! non conoscevo la rilettes e questa mi sembra un ottimo primo incontro, da preparare al più presto! ti abbraccio forte.

  • Valentina
    🙂 si vale, mi capita di sognare di cucinare cucinare, poi mi sveglio la mattina stanca e mi chiedo chi me l’abbia fatto fare a leggere prima di addormentarmi! La rilettes è stato un successone, prova vale e mi dirai!un bacio!

  • Pola M
    e no che non sei l’unica 😉 io vado così in fissa delle volte, che prima di decidermi a procedere ho la sensazione di aver ‘corteggiato’ tutto il tempo l’idea della futura ricetta. Grazie, mi fa piacere ti piaccia:-)

    Arianna
    Ultimamente sogno cosi tanto di cucinare che in effetti posso dire con certezza che tutti i miei ultimi sogni si sono avverati 😉 Un bacio grande!

  • Not only sugar
    Con questa crema nel frigo in effetti i miei aperitivi non sono finiti mai!;-) provala provala, vedrai non termineranno più neanche i tuoi!

  • Questa, è da provare subito. Adatta per l’aperitivo e non solo,che dici?
    potrebbe essere anche una cenetta con una manciata di olive e un buon
    bicchiere di vino bianco, il tutto sarebbe un insieme di freschezza e leggerezza
    per chi come me deve perdere svariati centimetri nel “girovita”.
    Ti ho detto qualche volta che mi piacciono molto le tue foto?????????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *