Torta di zucchine, cacao e pistacchi

Torta di zucchine, cacao e pistacchiCi sono ‘matrimoni’ ben riusciti e assicurati con burro, uova, latte e cacao amaro. In genere è così. Esistono, però, amori forti e coinvolgenti anche quando sembrano mancare i presupposti, come ad esempio succede a cacao e zucchine di vivere ‘felici e contenti’, come nelle fiabe, anche nelle torte. Certo, purché qualcuno lo sappia, purché qualcuno li faccia incontrare! E io, appunto,  ho fatto da ‘ruffiana’.

La ricetta mi ha colpito non tanto per la sottrazione di burro uova e latte, quanto per le sostituzioni che ho trovato molto interessanti: il latte di mandorle ad esempio. Qualche giorno fa una delle mie ‘ispiratrici’ più care ha pubblicato la ricetta di un delizioso latte di mandorle e noci su cui ho pensato innestare la mia modifica dando spazio assoluto alle mandorle siciliane, regalo e ricordo speciale della venuta a Roma di Elisa. Ovviamente le zucchine sono state l’ingrediente su cui la mia curiosità si è interrogata di più, nel tentativo di  immaginarne l’effetto d’accordo con il cacao. Questa volta sono sicura di aver lasciato anche Ester a bocca aperta: quando ha sentito che le sue zucchine novelle servivano per un dolce di cacao e cioccolato le ho visto sgranare gli occhi neri come fondi di caffè e così l’ho lasciata: tutto stupore e sbigottimento.

In questa preparazione le zucchine non rinunciano al loro sentore vegetale: anzi, proprio la freschezza di quest’ultimo si esalta di un aroma mandorlato che prescinde dalla presenza del latte di mandorla. Il cacao invece ne smorza la dolcezza fuori luogo. Le praline di cioccolato in superficie non svolgono assolutamente una funzione facoltativa, tutt’altro: sono il rivestimento croccante e compatto, la golosa ‘resistenza’ prima di arrivare al cuore soffice del dolce. Irresistibile! Da provare, assolutamente!

“Torta di zucchine, cacao e pistacchi” tratta dal numero di Giugno 2013 de “La cucina italiana” 

Ingredienti (per 4-6 persone; tempo 1 h e 30′): 250 zucchine mondate; 180 gr di farina più un po’; 150 gr di zucchero (io, quello bruno); 100 gr di latte di mandorle (per 1l di latte di mandorle, 120 gr di mandorle più 750 ml di acqua naturale); 60 gr di gocce di cioccolato fondente; 50 gr di pistacchi pelati; 50 gr di frumina (io, fecola di patate); 50 gr di cacao amaro; 50 gr di olio d’arachide; 20 gr di miele d’acacia (io, mille fiori); 1 bustina di lievito vanigliato; burro e un pizzico di sale.

Procedimento latte di mandorle: mettere in ammollo le mandorle con tutta la buccia in 750 ml, in un contenitore chiuso ermeticamente. Lasciare in frigo tutta la notte. Il giorno dopo frullare le mandorle e l’acqua d’infusione e filtrare il latte ricavato in uno chinoise. A questo punto prendere la quantità necessaria per il dolce e imbottigliare il resto da riporre in frigo. Il latte di mandorla si conserverà in frigo per tre giorni.

Procedimento torta: grattugiare le zucchine a filetti sottili. Frullare i pistacchi con l’olio d’arachidi e il latte di mandorle, aggiungere poi nel frullatore il miele, lo zucchero e un pizzico di sale; unire dopo le zucchine, dare un colpo di frullatore e unire ancora la farina, la frumina, il lievito e il cacao setacciati e frullare ancora per amalgamare. Imburrare e infarinare uno stampo a cerniera ( 19 cm di diametro), versarvi il composto e distribuire in superficie le gocce di cioccolato e infornare a 175 °C per 50- 55′. Servire la torta fredda.

Related Post

10 thoughts on “Torta di zucchine, cacao e pistacchi

  • Lauraaaa! Cosa c’è nel mio frigo? Ho appena messo delle coppette di crema con latte di mandorle, preso stamattina e subito usato… qua la mano, siamo collegate anche quando non ci sentiamo! 🙂
    Sulla riuscita del mio dolce ancora non mi pronuncio, mentre il tuo è decisamente “una bomba”. E non intendo di calorie, eh, ma d’aspetto e di unione di sapori. Faresti concorrenza alla torta della Limonaia, te lo dico io!
    E poi mi parli di passioni improvvise, non calcolate ma che esplodono forti appena avviene il contatto e la conoscenza… e lì è terreno fertile di pensieri, ricordi, sospiri… 🙂
    Poi hai capito quanto amo i dettagli: le gocce di cioccolato – che sembrano dei pois, toh – mi piace che non siano disposte in modo uniforme… alcune sono attratte dalle altre, sono più vicine, tipo calamita, vedi? Tutto torna… 🙂

  • Detto…. fatto!!! Sei un vulcano di idee!!!! Devo confessarti che quando me ne hai parlato giovedì mi ha incuriosito l’unione di sapori così diversi per una torta…. eppoi le zucchine!!!! Curiosità di vedere realizzato il tuo capolavoro. Non è solo la tua bravura nel proporre fotograficamente le tue “bontà”….. foto che trasmettono gioie visive e gioie per il palato, ma anche la tua bravura nello scegliere ricette così particolari, che stimolano, almeno a me, la voglia di realizzare . E’ una torta meravigliosa.

  • Anche io ho sgranato gli occhi come Ester, stupita dall’abbinamento:
    zucchine-cioccolato fondente. La ricetta mi incuriosisce molto, la proverò
    sicuramente, se è buona quanto bella ti faccio i complimenti subito!!!!!!!!!
    Quel fiore di zucca poggiato sul dolce non ha niente da invidiare
    a qualunque altro bel fiore che per di più non è buono da mangiare.
    :
    .

  • Francesca
    Cara Francesca, io penso che ormai siamo destinate a diventare ‘spettatrici’ della miriade di coincidenze che ci circondano, ci inseguono e s’intersecano 🙂 secondo me questo è merito delle nostre molteplici affinità 😉 La torta è veramente una bomba di sapori non sospetti chi l’avrebbe detto che le zucchine potessero supplire così egregiamente il burro!

    Luigina
    mi sono resa conto che appena sfornata e ancora calda resta nel profumo il ricordo delle zucchine, ma il giorno dopo ci si ritrova davanti una torta al cioccolato e cacao ‘vera e propria’!!!!Morbida e spugnosa come se ci fosse dentro una generosa quantità di burro, elastica come se ci fossero le uova!Ma ci pensi in una colazione quante vitamine e oli essenziali tutti insieme!!!!

    Antonella
    Mi raccomando però, antonella, procurati delle zucchine novelle di quelle romanesche e scanalate in superficie: assicurati siano ben sode, in questo caso dovrebbero anche avere pochi semi. Sono quelle più adatte perchè hanno una polpa più compatta e burrosa molto simile a quella di un avocado maturo ecco perchè sanno sostituire così bene il burro 😉 un bacio!

  • Laura…….ma che capolavoro!!!!!!!!!!!!!!!!Non vedevo l’ora di rientrare per accendere il pc e vedere quel capolavoro splendido di torta. Quando mi hai detto l’accostamento degli ingredienti ero rimasta un po’ scettica ed invece mi dici che è un abbinamento perfetto.Che brava che sei…….sarà la mia prossima torta, un bacio

  • Daniela
    Cara mia 🙂 proprio così abbinamento perfetto!!!morbida, profumata e cioccolatosa da morire. Non vedo l’ora di ripetere, la colazione così è una meraviglia!per non parlare del dopo pranzo, merenda e dopo cena!;-) prova e vedrai!

  • Certi amori nascono senza alcun presupposto e lasciano a bocca aperta proprio per la semplicità con cui proseguono… Questa ricetta devo proprio segnarmela,sono una sostenitrice delle storie impossibili!

  • Manuela
    Brava!!!ti confesso che gli amori ‘impossibili’ in apparenza, o secondo il giudizio o pregiudizio altrui, piacciono anche a me soprattutto quando sono facili così facili che non si capisce perchè non debbano andare avanti 🙂 credimi questa torta è una meraviglia, pensa che domani la ripeto!;-) un bacio e buona serata!

  • Questa mattina ho fatto la torta con le zucchine e cioccolato fondente.
    E’ davvero molto buona, complimenti!
    Io ho usato lo zucchero bruno integrale, per renderla
    meno dolce possibile, e il risultato mi è piaciuto….. Il sapore delle zucchine
    non si avverte a vantaggio del cacao e cioccolato che invece vengono esaltati da esse. La consistenza è perfetta anche se mancano le uova e il burro.
    Mi sembra un dolce ottimo per la colazione, per la merenda con un buon tè
    profumato e dopo cena nel piattino con accanto una pallina di gelato
    al pistacchio. Che ne dici…. Accompagnato in fine con un buon nocino
    nostrano? Baci, alla prossima.

  • Antonella
    Che bello da un po’ di tempo i commenti più ricorrenti riguardano proprio ricette sperimentate dai voi ‘lettori’ e il fatto che vi piacciano, mi riempie di felicità e soddisfazione. 🙂 Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *